Bene comune e sviluppo sostenibile

Giovedì 28 marzo alle ore 17.45 presso la sala Don Salvo Battenti dell’Istituto San Carlo (via Saffi,18 – Foligno) la rete delle aggregazioni laicali della Diocesi di Foligno organizza il terzo incontro nell’ambito dell’iniziativa “Chiudiamo la forbice. Dalle diseguaglianze al bene comune per una sola famiglia umana”. Pierluigi Grasselli, professore di Politica EconomicaUniversità degli Studi di Perugia, traccerà la riflessione sul Bene Comune ed in particolare di BESbenessere equo e sostenibile, e soprattutto di Sviluppo sostenibile. Una parte crescente di opinione pubblica comprende che la sostenibilità della crescita impone che il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente non comprometta il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni future. I quattro pilastri su cui si fonda questo concetto sono l’ambiente, l’economia, le istituzioni e la questione sociale. Di essi occorre garantire una gestione appropriata, mantenendo tra loro un corretto equilibrio, perché il venir meno di uno solo di essi potrebbe determinare l’insostenibilità complessiva del processo di sviluppo. In corrispondenza, si è affermato uno schema concettuale basato su quattro diverse forme di capitale, appunto naturale, economico, umano e sociale. L’impegno collettivo deve essere volto a impedire che il depauperamento di queste forme di capitale determini la suddetta insostenibilità. Per puntare a questo risultato, occorre formulare e attuare politiche proiettate nel medio e lungo periodo, per cercare di cogliere il futuro verso cui tende il sistema economico e sociale.

Coordina l’incontro Federica Menghinella, giornalista della GAZZETTA di FOLIGNO

Durante l’incontro ci sarà la testimonianza di una azienda del territorio, Emanuele Pacilli del Micro Birrificio Etico Dieci Noce di Spello

Per maggiori informazioni: http://www.diocesidifoligno.it/2019/03/25/bene-comune-e-sviluppo-sostenibile/